“Ribaltiamoci!” – Diario di bordo #02

Diario di bordo


Sabato 26 novembre 2016


Quante eravate! Vedere letteralmente raddoppiare il gruppo nel giro di un mese mi ha sorpresa, emozionata e spronata a dare il massimo.

Mi piace lavorare con un simile numero di persone perché aumentano vertiginosamente le possibili attività da proporre e le dinamiche che si possono venire a creare.. è stimolante e anche molto divertente, per me in primis! Già, ormai avete capito che io comincio a divertirmi già quando penso agli esercizi che riempiranno la scaletta del sabato pomeriggio.. penso a chi già conosco e immagino le espressioni che andranno a dipingersi sui vari volti una volta spiegata l’attività da fare, penso allo scoraggiamento o all’entusiasmo iniziali e al fatto che il modo di farcela si trova sempre, penso alla bella commozione che vi aspetta a casa nel momento in cui aprite la busta per leggere le parole regalate dalle vostre compagne di avventura… e miracolosamente mi vengono in mente tantissime idee per farvi giocare con le vostre infinite potenzialità!

Questo mese il corpo era il grande protagonista. Un tema non da poco, soprattutto per chi ha deciso di lanciarsi in questa nuova avventura, di provare senza conoscere né me, né il gruppo, né la teatro terapia o le tecniche espressive. Ci vuole coraggio per mettersi in gioco, e voi lo avete avuto.

Con il corpo abbiamo interagito con gli altri, senza tralasciare l’attenzione al proprio Sé e cercando la giusta distanza che permettesse di entrare in contatto, ma mantenendo la propria preziosissima individualità e la propria indipendenza. Con il corpo abbiamo lasciato una traccia della nostra presenza nel mondo e abbiamo rispettato e riconosciuto quella delle compagne. Con il corpo abbiamo veicolato emozioni, giocando a drammatizzare come se fossimo in un film muto. E abbiamo riso, tanto. Ridiamo sempre. Per me è importante che sia così.

Questo secondo incontro ha visto protagonista un gruppo splendido, assolutamente eterogeneo, ma ricco… proprio per le sue profonde differenze interne.

Ribaltiamoci - Novembre

Il gioco dei “Calchi”

 

Sabrina Cassottana – PSICOLOGA